Autoctono si nasce – 24 Gennaio 2019

Ho scoperto da poco l’Associazione GoWine, responsabile di diversi eventi su tutto il territorio italiano a tema vino; in questo caso sono stato invitato alla seconda edizione di Autoctono si nasce, manifestazione dedicata ai vitigni italiani e ai vini ad essi collegati. Le cantine italiane presenti hanno portato quindi vini da vitigni singoli, alcuni dei quali rari o antichi, dimenticati dai consumatori o scarsamente reperibili. Abbiamo provato a degustare il più possibile, con la consapevolezza di non poter assaggiare tutti i vini presenti, qualche centinaio di referenze. Andiamo con ordine:

Autoctono si nasce - 24 Gennaio 2019

Poggio – Vignole Barbera (Alessandria)
Lüsarein 2016 (100% Timorasso): metodo Martinotti, naso delicato e palato con buona acidità. Frutta gialla, pesca bianca, poi finale minerale, seltz al palato. Ottimo inizio.

Autoctono si nasce - 24 Gennaio 2019

Ciù Ciù – Offida (Ascoli Piceno)
Rymarosé (100% Sangiovese): metodo Martinotti, al naso pesca gialla, albicocca e pepe bianco, in bocca bollicina fine e persistente. Finale lungo, molto equilibrato, il mio personale highlight della giornata.

Autoctono si nasce - 24 Gennaio 2019

La Tordera – Vidor (Treviso)
Otreval (Prosecco Superiore DOCG Brut): naso piuttosto minerale, bolla intensa al palato, discreta acidità, note amaricanti al palato. Concreto.
Brunei (Prosecco Superiore DOCG Brut): anche qui concretezza prima di tutto, la bolla è meno presente al palato, echi di note fruttate, elegante.
Tittoni (Prosecco Superiore DOCG Brut): monovigna, circa 18,5 g/litro di zucchero, qui si avverte maggiormente la parte fruttata, mai troppo dolce.

Autoctono si nasce - 24 Gennaio 2019

I Magredi – San Giorgio della Richinvelda (Pordenone)
Prosecco Doc Extra Dry: 6 g/litro di zucchero, al naso tabacco e frutta bianca, palato intenso e cremoso, lascia la bocca piuttosto asciutta;
Ca’ Ronesca (100% Ribolla Gialla) Brut: naso di frutta gialla molto matura, buona mineralità e finale strutturato;
Picolit 2015: un migliaio di bottiglie per questo vigna tardiva, raccolta a mano e cassetta per 3 mesi di appassimento. Al naso l’acidità iniziale è quasi da lambic, al palato la struttura è ottima, dolcezza mai esagerata, uva matura. Anche qui buona mineralità e un finale dolce da frutta candita e albicocca secca.

Autoctono si nasce - 24 Gennaio 2019
Autoctono si nasce - 24 Gennaio 2019

Ronco dei Pini – Prepotto (Udine)
Tre Lune (100% Ribolla Gialla): metodo Charmant, naso elegante, bolla molto interessante al palato, ben misurata. Pera al naso, per il resto ottimo equilibrio.
Friulano 100%: piuttosto minerale, biblioteca all’inizio poi frutta bianca, pesca e albicocca secca. Bocca di buona intensità, vino rotondo e concreto. Finale minerale, pesca bianca.
Schioppettino di Prepotto: al naso buona complessità, pepe bianco, mela rossa, pera al forno, incenso. Al palato buona acidità, poi amarena, frutta rossa e fragola. Finale di media persistenza, buon equilibrio globale.

Autoctono si nasce - 24 Gennaio 2019

Stanig – Prepotto (Udine)
Ribollicine Extra Dry 2018 (Ribolla Gialla 100%): buona frizzantezza, pepe bianco al naso, leggera nota amaricante al palato, per nulla spiacevole.

Mancinelli Stefano – Morro d’Alba (Ancona)
Mancinelli Metodo Classico (100% Lacrima di Morro d’Alba): intensità medio-alta al naso, incenso e amarena, bollicina intensa e acidità marcata, punte di pepe nero e frutta rossa molto intensa a tratti acidula, esperimento molto interessante;
Lacrima di Morro d’Alba Superiore 2016: rosa molto intensa, lampone e pepe bianco, incenso, spezie piuttosto intense al palato.

Magda Pedrini – Gavi (Alessandria)
Gavi di Gavi Metodo Classico Brut 2016: 33 mesi sui lieviti, mela cotta e pepe bianco al naso, fresco e minerale; palato con ottimo equilibrio tra dolcezza e acidità, mineralità discreta, finale molto pulito di mela verde, ottima conclusione.

Questi solo alcuni dei vini in degustazione, il tempo è tiranno e anche il tasso alcolico è da tenere basso, per quanto possibile. L’evento si conferma di ottima tenuta sia per l’organizzazione sia per la varietà di prodotti. Alla prossima edizione!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.