PIO CESARE BARBARESCO 2018

Dotato di buona profondità, cenni speziati ma soprattutto floreali introducono la parte fruttata dominata dalla ciliegia, dalla mora, dall’amarena, dalla solida struttura scura, cenni di arancia sanguinella ed echi balsamici di radice di liquirizia.

Freschezza fruttata rossa, sulla fragola, mora, lampone con il tannino a giungere in un secondo momento, prima di lasciare spazio al versante sapido, dai cenni agrumati. Struttura importante e solida.

Lungo, più sapido che tannico, principalmente agrumi e un filo di spezia. Chiusura agrumata e velatamente balsamica.

Barbaresco complesso e profondo, dalle peculiarità olfattive che giocano a nascondino, evitando di svelarsi subito. Coerentemente il palato vira sulla gioventù, promettendo una seria evoluzione in cantina.

IBT 91