MAINERDO BARBARESCO RISERVA 2008 ANVEJÉ

MAINERDO BARBARESCO RISERVA 2008 ANVEJÉ

Di Mainerdo non c’è traccia sui social, ma grazie alle ragazze della magica Enoteca del Barbaresco ho potuto acquistare una bottiglia di questo vino. Siamo a Neive, comune della denominazione, e l’azienda compie cento anni quest’anno grazie alla visione di Giovanni Mainerdo che iniziò un secolo fa a vinificare uve di conferitori. Oggi l’azienda ha anche 12 vigneti di proprietà e produce vini della tradizione e qualche chicca (Alta Langa). Questa Riserva affina in botte grande per almeno quattro anni: non ho potuto resistere.

Incredibile nota di liquirizia, netta e concreta in caramella, seguita dalla frutta rossa, fragola e mora. Caramella Morositas, la frutta rimane fresca accompagnata da note balsamiche di menta e alloro. Da sottolineare pulizia ed evoluzione. 

Intenso, tannino ancora importante, la frutta rossa arriva dopo poco, fragola e ciliegia, con una grande corrispondenza della parte balsamica e speziata. Sapido, menta e alloro ad accompagnare l’evoluzione della frutta rossa.

Lungo, liquirizia e confettura di mora e fragola, sapido e tannino persistente.

Ottimo vino, dotato di tutto quello che cerco in una bottiglia del genere. Intenso, complesso, completo, buona evoluzione ma non staticità, piacevole anche da solo. Preso a caso, credo che un’altra cassa sia il minimo.

IBT 93

Lascia un commento