BORGOGNO BAROLO RISERVA 1998

BORGOGNO BAROLO RISERVA 1998

Assaggiare questo genere di vini è un privilegio, un’occasione unica di accostarsi ai grandi invecchiamenti che, specie in Barolo, sono parte della vita di molte cantine. Le Riserve di Borgogno sono note: la Cantina riserva una buona parte della produzione all’affinamento in bottiglia per molti anni, andando a selezionare annate particolarmente vocate. Il team di Borgogno mi stupisce sempre per la grande ospitalità e soprattutto per la volontà di condivisione di questi vini, vini fatti per essere bevuti in compagnia. Non mi resta che ringraziare Carlotta Talmacco e prendere nota.
.
?Funghi secchi, zafferano, risotto alla milanese, poi tabacco da sigaro caraibico e cioccolato fondente. Ciliegia sotto spirito, amarena e fragola disidratata. Confettura di arancia amara.
.
?Ricco, tannino ancora vivo, spezie dolci, paprika e tabacco. Grande abbondanza di frutta rossa, fragola, ciliegia e mela rossa. Tannino subdolo e inarrestabile.
.
?Lungo, spezie, amarena e frutta secca. Ciliegia, fragola, cacao e tabacco. Mela rossa grattugiata.
.
?Vintage immortale, complessità ai vertici ma beva consistente. Il naso è peculiare ma coerente con l’intera bevuta. Grande prova sulla distanza. Grande vino.
.
?IBT 95/100?

Ho scritto un libro sul Barolo consultabile qui.

BORGOGNO BAROLO RISERVA 1998

Un pensiero riguardo “BORGOGNO BAROLO RISERVA 1998

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.