BORGOGNO BAROLO RISERVA 2003

BORGOGNO BAROLO RISERVA 2003

Annata difficile, considerata tendenzialmente non buona per via della siccità estrema estiva: una lunga sequenza di giorni caldissimi che ha minato gli equilibri in vigna. Ho assaggiato questa Riserva nel 2017, trovando un vino poco espressivo, difficile, chiuso e a tratti slegato. Tornato da Borgogno quest’anno, il prode Alessandro Salvano ha voluto omaggiarmi di questa bottiglia senza aggiungere dettagli tecnici. Ho provato a eliminare il ricordo e, come vedrete, ho trovato un altro vino. Un grande grazie ad Alessandro e a @Borgogno1761, sempre in alto nel mio cuore.

Naso di funghi secchi, amarena, pepe nero, cacao amaro e fragola, in un bouquet di grande complessità. Echi vegetali, sedano e pomodoro, poi vaniglia, fave di cacao, espresso. Zenzero e lamponi.

Pomodoro, acidità vegetale, tannino smorzato. Amarena, ciliegia, ancora fave di cacao e spezie. Compatto e austero, di eleganza compita.

Media persistenza, spezie, acidità da succo di pomodoro, amarena e frutta secca.

Un vino nuovo, austero ma di eleganza e completezza, da reale meditazione. Le note sono molte, ben misurate e bilanciate. Interessante, da sottolineare il cambio radicale in soli due anni di cantina.

IBT 91/100

Ho scritto un libro sul Barolo consultabile qui.

BORGOGNO BAROLO RISERVA 2003

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.